Opendata, web e dolomiti

Innovatori della partecipazione pubblica tot post: 28


 scrivi un post

avatar

Convegno INDUSTRIA 4.0: innovazione e sviluppo – aspetti aziendali, fiscali ed imprenditoriali (Padova e Rovigo)

By  Fàbio 2 | Mercoledì, 15/03/2017 13:57

Segnalo questi 2 pomeriggi informativi che si terranno a Padova e a Rovigo tra la fine di marzo e l'inizio di aprile. Si parlerà   di industria4.0 ma con un focus sugli aspetti aziendali, fiscali e imprenditoriali.

Riporto il testo dell'annuncio:

Nell’ambito del Piano nazionale Industria 4.0. del Ministero dello Sviluppo Economico, volto a sostenere ed incentivare gli investimenti delle imprese nella tecnologizzazione e digitalizzazione dei processi produttivi, la Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare, con il patrocinio del Dipartimento di Management Università   di Ca’ Foscari, due convegni informativi con l’obiettivo di far conoscere agli imprenditori le novità   fiscali introdotte dalla Legge di Bilancio 2017 legate alla realizzazione del Piano nazionale Industria 4.0.

Gli incontri si terranno il 31 marzo dalle 14,30 alle 18 presso l'Auditorium del Campus Scientifico Università   Cà   Foscari di via Torino e il 7 aprile dalle 14,30 alle 18 presso il Salone del grano della sede di Rovigo della Camera di Commercio, tratteranno i temi:

Super ed Iper ammortamento

Credito d’imposta ricerca e sviluppo

Attenuazione del carico fiscale delle imprese

Premi di produttività  

Le start-up innovative e le pmi innovative

ACE – Aiuto alla Crescita Economica

Per partecipare algi incontri gratuiti, è possibile iscriversi on line alla sezione "corsi ed eventi" (www.dl.camcom.gov.it/ ).

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Gli errori più comuni che minano la Cyber Security

By  PASemplice | Giovedì, 23/02/2017 8:39

Posto una curiosità   trovata su twitter poco fa. Si tratta degli "errori, sviste, inefficienze" più comuni che portano o potrebbero portare a problemi di cyberSecurity registrate nei vari Paesi. Sono le azioni (o non azioni) che a lungo andare aprono le porte dei nostri sistemi informatici e dispositivi a male intenzionati.

Per l'Italia l'errore di Cyber Security più diffuso è quello di lasciare installate vecchie app e vecchi programmi, magari senza aggiornarli.

preview #1

avatar
By Fabio | Giovedì, 2017-02-23 08:44:25

 Curioso il caso delle Filippine: "High Speed Download". In che senso è un errore di sicurezza informatica? Download troppo veloce significa che i virus possono propagarsi velocemente? Grazie

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Settimana dell’amministrazione aperta – #SAA2017

By  PASemplice | Mercoledì, 15/02/2017 23:23

Una bellissima iniziativa per favorire la trasparenza (o per lo meno la cultura della trasparenza): open.gov.it/saa/ la prima edizione della Settimana dell’amministrazione aperta SAA2017.

Riporto quanto scritto nella home page del sito:

Seminari, hackathon, dibattiti pubblici, webinar e tanto altro ancora: sette giorni di iniziative in tutta Italia per promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e dell’accountability sia nelle amministrazioni pubbliche che nella società  .

TUTTI possono proporre la propria iniziativa! Le tipologie di evento sono: Audizione, Incontro Pubblico, Focus Group, Corso / Seminario, Webinar, Contest/Hackathon, Pubblicazione Documenti, Rilascio Dati Aperti, Altro.

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

"Catalogo" della organizzazioni no-profit (una guida agli enti del terzo settore)

By  PASemplice | Venerdì, 27/01/2017 17:30

Da qualche giorno è nato il portale/la piattaforma Italia noProfit (questo è il link: italianonprofit.it/). Il sito si presenta come Il non profit italiano accessibile, chiaro, trasparente (la guida al terzoSettore) e Italia non profit è la piattaforma dove trovare informazioni qualificate sugli enti non profit.

La piattaforma è gratuita per gli enti e per gli utenti. Tutte le organizzazioni devono potersi raccontare a prescindere dalla dimensione economica e dalla presenza di strutture comunicative. Le forme giuridiche e i settori di attività   non sono tutti uguali, per questo le differenze devono essere spiegate e contestualizzate.

Attualmente il sito è in versione beta ma sembra funzionare molto bene

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Le "4E" per una Pubblica Amministrazione al passo con i tempi (a patto che la PA stessa lo voglia...)

By  PASemplice | Lunedì, 19/12/2016 10:57

Guardate l'immagine in allegato.

Le "4E" per una pubblicaAmministrazione migliore, a favore del cittadino, insieme al cittadino, che mette il cittadino nelle condizioni di innovare, che aiuta a far emergere la classe dirigente più valorosa (e digital), che attira la partecipazione attiva del cittadino e che lo mette nelle condizioni di essere parte attiva del cambiamento.

Empowerment: creare all'interno della pubblica amministrazione gli strumenti e l'ambiente giusto per innovare; coltivare le pratiche giuste, dare priorità   all'innovare piuttosto che al burocratizzare. L'innovazione non va combattuta, va favorita!

Enforcement: mettere in atto, realizzare, rendere concrete le innovazioni proposte e nate in seno alla PA; lottare contro la burocrazia (miglior alleato dell'immobilismo) e fare! Dare spazio a chi sulla carta ha meno titoli e nella realtà   ne dimostra averne di più!

Endorsment: rafforzare la volontà   politica dell'innovazione, anche se questa va a scapito di "rendite di posizione" e di poltrone; anche se questa, giocoforza, metterà   all'angolo il "vecchio amministratore burocratico" a favore del nuovo "innovatore amministratore digitale";

Engagement: promuovere la partecipazione attiva del cittadino; i mezzi informatici possono aiutare moltissimo in questo ma se la partecipazione viene vista come una minaccia alla "mia poltrona" non sarò di certo incline a favorirla.

Finchè i giovani digitali e pieni di capacità   saranno messi all'esterno (non ai bordi ma proprio esclusi) dai processi decisionali la velocità   e il modo di agire della PA italiana sarà   più vicino a quello medioevale che non a quello del futuro!

preview #1

avatar
By Tablet4n | Domenica, 2017-01-15 10:04:36

 Se non sbaglio L età   media dei dirigenti é superiore ai 50 anni. A parte qualche illuminato finché non si lasciano i giovani digital a dirigere avremo sempre una impronta pachidermica burocratica accademica "paper based" nella gestione.

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Agevolazioni a sostegno delle StartUp Innovative

By  Fabio | Giovedì, 22/12/2016 10:49

Quali sono le politiche e le agevolazioni esistenti a sostegno delle StartUp innovative?

Già   la definizione di startup innovativa ha permesso di classificare così molte aziende che di innovativo non ha molto ma a parte questo, leggendo questo ottimo documento: www.mise.gov.it/images/stories/documenti.. si scoprono cose molto interessanti.

Copio incollo le misure più interessanti, nell'immagine allegata si ha una panoramica completa:

Le misure in esame si applicano in favore delle startup innovative per 5 anni dalla loro data di costituzione:

1. Costituzione e successive modificazioni mediante modello standard tipizzato con firma digitale

2. Esonero da diritti camerali e imposte di bollo

3. Deroghe alla disciplina societaria ordinaria

4. Proroga del termine per la copertura delle perdite

5. Deroga alla disciplina sulle società   di comodo e in perdita sistematica

6. Esonero dall’obbligo di apposizione del visto di conformità   per compensazione dei crediti IVA

7. Disciplina del lavoro tagliata su misura

8. Facoltà   di remunerare il personale in modo flessibile

9. Remunerazione attraverso strumenti di partecipazione al capitale

10. Credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato

11. Introduzione di incentivi fiscali per investimenti in startup innovative provenienti da persone fisiche e giuridiche per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016

12. Possibilità   di raccogliere capitali con campagne di equity crowdfunding su portali online autorizzati

13. Intervento semplificato, gratuito e diretto per le startup innovative al Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese

14. Sostegno ad hoc nel processo di internazionalizzazione delle startup da parte dell’Agenzia ICE

15. Fail-fast

Gli aggiornamenti in merito qui: www.mise.gov.it/index.php/it/impresa/reg..

preview #1

avatar
By Tablet4n | Domenica, 2017-01-15 10:02:44

 Oltre che incentivi fiscali penso, anzi ne siamo sicuri, uno degli incentivi più atteso é LA SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA!!! Non é tollerabile che il peso delle inutili scartoffie rubi un posto di lavoro o più per ogni azienda.

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Opendata e media-journalism: raccontare le notizie che nascono dai dati

By  Fabio | Mercoledì, 04/01/2017 22:56

Molto interessante il nuovo (beh peccato sia definito "nuovo") modo di fare giornalismo, il media-journalism.

Si tratta di:

- prendere i dataset pubblici, metterli in ordine, filtrare le informazioni più interessanti che si possono estrarre dai database (qui serve un esperto di gestione ed elaborazione dati)

- per quel momento storico (qui serve il fiuto del giornalista),

- rappresentarli in modo intuitivo e magari, sfruttando le tecnologie web, rendere le "infografiche" interattive (e qui serve un esperto web).

Il movimento del data-journalism viene descritto molto bene in questo video: www.youtube.com/watch?v=gZABPahrarc

L'ipotetica redazione quindi necessita di competenze trasversali che vanno dall'esperto di openData, all'esperto di programmazione, all'esperto di social network (per far "girare" l'articolo) al giornalista inteso come esperto di "narrazione di informazioni".

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Quali sono le abilità più importanti (e presenti) per chi lavora nel mondo dei dati?

By  Fabio | Venerdì, 09/12/2016 9:01

Hanno fatto una intervista a 490 professionisti che hanno a che fare con i dati. Hanno individuato 4 macro professioni: business management, sviluppatore, creativo e ricercatore. A questi professionisti hanno chiesto di votare da 0 (non conosco nulla di questa capacità  ) a 10 ("la mastico bene" :-) ) quanto "posseggano" e sia importante possedere o meno una cerca capacità   (skill).

Ne è uscito un interessante grafico a ragnatela che trovate in allegato (Proficiency in dataScience skills by job role).

Le skills ricadono entro 5 categorie: 1) Business, 2) Technology, 3) Programming, 4) Math & Modeling and 5) Statistics.

L'articolo completo qui: businessoverbroadway.com/investigating-d..

Post riguardante il dataScientist e le capacità   di dataManagement e dataViz

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

Prezzi: crescono per le cose necessarie, diminuiscono per le cose superflue

By  Fabio | Mercoledì, 07/12/2016 9:41

Mi ha colpito molto questo grafico che mostra gli andamenti dei prezzi di alcuni prodotti e servizi. Si riferisce al mercato americano ma suppongo lo stesso andamento si sia registrato anche in Europa. I prezzi delle cure mediche e dei beni "fondamentali" sono cresciuti più dell'inflazione mentre quelli dei prodotti "lussuosi e superflui" meno. Tuttavia non concordo che i prodotti tecnologici per "rimanere connessi" si possano considerare superflui: oggigiorno è secondo me un bisogno primario almeno nelle società   avanzate.

Purtroppo è aumentato il costo per l'istruzione e per la casa.

Maggiori informazioni: www.weforum.org/agenda/2016/08/the-thing..

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

avatar

OpenData, cittadini, amministrazione e "smanettoni dei computer" insieme per Milano - Hackaton Milano@Work

By  Fàbio 2 | Domenica, 04/12/2016 13:33

Gli openData al servizio della città   di Milano! . Sabato 17 e domenica 18 dicembre il Comune di Milano promuove due hackathon (speciali maratone alle quali partecipano esperti e appassionati di innovazione e tecnologia) chiamando a raccolta cittadini, studenti e maker che abbiano voglia di mettere a disposizione della città   le loro abilità   e i loro interessi.

“Invitiamo i creativi, gli studenti e gli sviluppatori a partecipare a questa due giorni di grandi sfide - dichiarano Roberta Cocco (assessore alla Trasformazione digitale e Servizi Civici) e Lorenzo Lipparini (assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data) –. È un’opportunità   preziosa per mettere in condivisione il lavoro dell’Amministrazione e degli esperti del settore allo scopo di rendere Milano sempre più innovativa, aperta, inclusiva e connessa ai cittadini”.

Il primo appuntamento è Milano@WORK, in programma al Politecnico di Milano a partire dalle 9 del mattino di sabato 17 dicembre. Un hackathon di trenta ore organizzato nell’ambito del progetto Europeo open4citizens (open4citizens.eu) che parte da un assunto: Milano è una città   soggetta a trasformazioni continue.

Maggiori informazioni: open4citizens.eu/pilots/milano/ in cui troverete il regolamento e l'agenda.

preview #1

Add your comment

Inserisci un testo (almeno 11 caratteri), grazie. []
Invia 

 

 scrivi un post

Numero di pagine: 3