13


 scrivi un post

avatar

Le "4E" per una Pubblica Amministrazione al passo con i tempi (a patto che la PA stessa lo voglia...)

By  PASemplice | Lunedì, 19/12/2016 10:57

Guardate l'immagine in allegato.

Le "4E" per una pubblicaAmministrazione migliore, a favore del cittadino, insieme al cittadino, che mette il cittadino nelle condizioni di innovare, che aiuta a far emergere la classe dirigente più valorosa (e digital), che attira la partecipazione attiva del cittadino e che lo mette nelle condizioni di essere parte attiva del cambiamento.

Empowerment: creare all'interno della pubblica amministrazione gli strumenti e l'ambiente giusto per innovare; coltivare le pratiche giuste, dare priorità   all'innovare piuttosto che al burocratizzare. L'innovazione non va combattuta, va favorita!

Enforcement: mettere in atto, realizzare, rendere concrete le innovazioni proposte e nate in seno alla PA; lottare contro la burocrazia (miglior alleato dell'immobilismo) e fare! Dare spazio a chi sulla carta ha meno titoli e nella realtà   ne dimostra averne di più!

Endorsment: rafforzare la volontà   politica dell'innovazione, anche se questa va a scapito di "rendite di posizione" e di poltrone; anche se questa, giocoforza, metterà   all'angolo il "vecchio amministratore burocratico" a favore del nuovo "innovatore amministratore digitale";

Engagement: promuovere la partecipazione attiva del cittadino; i mezzi informatici possono aiutare moltissimo in questo ma se la partecipazione viene vista come una minaccia alla "mia poltrona" non sarò di certo incline a favorirla.

Finchè i giovani digitali e pieni di capacità   saranno messi all'esterno (non ai bordi ma proprio esclusi) dai processi decisionali la velocità   e il modo di agire della PA italiana sarà   più vicino a quello medioevale che non a quello del futuro!

preview #1

avatar
By Tablet4n | Domenica, 2017-01-15 10:04:36

 Se non sbaglio L età   media dei dirigenti é superiore ai 50 anni. A parte qualche illuminato finché non si lasciano i giovani digital a dirigere avremo sempre una impronta pachidermica burocratica accademica "paper based" nella gestione.

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Agevolazioni a sostegno delle StartUp Innovative

By  Fabio | Giovedì, 22/12/2016 10:49

Quali sono le politiche e le agevolazioni esistenti a sostegno delle StartUp innovative?

Già   la definizione di startup innovativa ha permesso di classificare così molte aziende che di innovativo non ha molto ma a parte questo, leggendo questo ottimo documento: www.mise.gov.it/images/stories/documenti.. si scoprono cose molto interessanti.

Copio incollo le misure più interessanti, nell'immagine allegata si ha una panoramica completa:

Le misure in esame si applicano in favore delle startup innovative per 5 anni dalla loro data di costituzione:

1. Costituzione e successive modificazioni mediante modello standard tipizzato con firma digitale

2. Esonero da diritti camerali e imposte di bollo

3. Deroghe alla disciplina societaria ordinaria

4. Proroga del termine per la copertura delle perdite

5. Deroga alla disciplina sulle società   di comodo e in perdita sistematica

6. Esonero dall’obbligo di apposizione del visto di conformità   per compensazione dei crediti IVA

7. Disciplina del lavoro tagliata su misura

8. Facoltà   di remunerare il personale in modo flessibile

9. Remunerazione attraverso strumenti di partecipazione al capitale

10. Credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato

11. Introduzione di incentivi fiscali per investimenti in startup innovative provenienti da persone fisiche e giuridiche per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016

12. Possibilità   di raccogliere capitali con campagne di equity crowdfunding su portali online autorizzati

13. Intervento semplificato, gratuito e diretto per le startup innovative al Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese

14. Sostegno ad hoc nel processo di internazionalizzazione delle startup da parte dell’Agenzia ICE

15. Fail-fast

Gli aggiornamenti in merito qui: www.mise.gov.it/index.php/it/impresa/reg..

preview #1

avatar
By Tablet4n | Domenica, 2017-01-15 10:02:44

 Oltre che incentivi fiscali penso, anzi ne siamo sicuri, uno degli incentivi più atteso é LA SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA!!! Non é tollerabile che il peso delle inutili scartoffie rubi un posto di lavoro o più per ogni azienda.

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Opendata e media-journalism: raccontare le notizie che nascono dai dati

By  Fabio | Mercoledì, 04/01/2017 22:56

Molto interessante il nuovo (beh peccato sia definito "nuovo") modo di fare giornalismo, il media-journalism.

Si tratta di:

- prendere i dataset pubblici, metterli in ordine, filtrare le informazioni più interessanti che si possono estrarre dai database (qui serve un esperto di gestione ed elaborazione dati)

- per quel momento storico (qui serve il fiuto del giornalista),

- rappresentarli in modo intuitivo e magari, sfruttando le tecnologie web, rendere le "infografiche" interattive (e qui serve un esperto web).

Il movimento del data-journalism viene descritto molto bene in questo video: www.youtube.com/watch?v=gZABPahrarc

L'ipotetica redazione quindi necessita di competenze trasversali che vanno dall'esperto di openData, all'esperto di programmazione, all'esperto di social network (per far "girare" l'articolo) al giornalista inteso come esperto di "narrazione di informazioni".

preview #1

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Quali sono le abilità più importanti (e presenti) per chi lavora nel mondo dei dati?

By  Fabio | Venerdì, 09/12/2016 9:01

Hanno fatto una intervista a 490 professionisti che hanno a che fare con i dati. Hanno individuato 4 macro professioni: business management, sviluppatore, creativo e ricercatore. A questi professionisti hanno chiesto di votare da 0 (non conosco nulla di questa capacità  ) a 10 ("la mastico bene" :-) ) quanto "posseggano" e sia importante possedere o meno una cerca capacità   (skill).

Ne è uscito un interessante grafico a ragnatela che trovate in allegato (Proficiency in dataScience skills by job role).

Le skills ricadono entro 5 categorie: 1) Business, 2) Technology, 3) Programming, 4) Math & Modeling and 5) Statistics.

L'articolo completo qui: businessoverbroadway.com/investigating-d..

Post riguardante il dataScientist e le capacità   di dataManagement e dataViz

preview #1

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Prezzi: crescono per le cose necessarie, diminuiscono per le cose superflue

By  Fabio | Mercoledì, 07/12/2016 9:41

Mi ha colpito molto questo grafico che mostra gli andamenti dei prezzi di alcuni prodotti e servizi. Si riferisce al mercato americano ma suppongo lo stesso andamento si sia registrato anche in Europa. I prezzi delle cure mediche e dei beni "fondamentali" sono cresciuti più dell'inflazione mentre quelli dei prodotti "lussuosi e superflui" meno. Tuttavia non concordo che i prodotti tecnologici per "rimanere connessi" si possano considerare superflui: oggigiorno è secondo me un bisogno primario almeno nelle società   avanzate.

Purtroppo è aumentato il costo per l'istruzione e per la casa.

Maggiori informazioni: www.weforum.org/agenda/2016/08/the-thing..

preview #1

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

OpenData, cittadini, amministrazione e "smanettoni dei computer" insieme per Milano - Hackaton Milano@Work

By  Fàbio 2 | Domenica, 04/12/2016 13:33

Gli openData al servizio della città   di Milano! . Sabato 17 e domenica 18 dicembre il Comune di Milano promuove due hackathon (speciali maratone alle quali partecipano esperti e appassionati di innovazione e tecnologia) chiamando a raccolta cittadini, studenti e maker che abbiano voglia di mettere a disposizione della città   le loro abilità   e i loro interessi.

“Invitiamo i creativi, gli studenti e gli sviluppatori a partecipare a questa due giorni di grandi sfide - dichiarano Roberta Cocco (assessore alla Trasformazione digitale e Servizi Civici) e Lorenzo Lipparini (assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data) –. È un’opportunità   preziosa per mettere in condivisione il lavoro dell’Amministrazione e degli esperti del settore allo scopo di rendere Milano sempre più innovativa, aperta, inclusiva e connessa ai cittadini”.

Il primo appuntamento è Milano@WORK, in programma al Politecnico di Milano a partire dalle 9 del mattino di sabato 17 dicembre. Un hackathon di trenta ore organizzato nell’ambito del progetto Europeo open4citizens (open4citizens.eu) che parte da un assunto: Milano è una città   soggetta a trasformazioni continue.

Maggiori informazioni: open4citizens.eu/pilots/milano/ in cui troverete il regolamento e l'agenda.

preview #1

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Small Data: i dettagli che mostrano i grandi trend

By  Fàbio 2 | Giovedì, 01/12/2016 19:01

Ho inizianto oggi questo beli libro dal titolo "SMALL DATA - I piccoli indizi che svelano i grandi trend".

Ultimamente siamo sommersi, letteralmente investiti dall'idea che dai bigData si possano capire i trend del futuro, sia quelli che intuiamo che quelli che ancora non riusciamo a percepire. L'autore invece riesce a intercettare i macroTrend dall'analisi dei "veramente small data" ovvero osservando i dettagli.

Molti di noi siamo fans, quasi fanatici dei bigdata. MArtin Lindstrom (l'autore del libro) invece non ne è affascinato. Per nostra fortuna ci regala una visione diversa di come si possono individuare i bisogni ed in trend del futuro.

preview #1

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Basta bufale (e non parlo di mozzarelle): benarrivato Polygree

By  Tablet4n | Martedì, 29/11/2016 12:46

A parte i maggiori quotidiani nazionali ci sono tantissime fonti di informazione che ultimamente danno notizie false o inesatte. A Perugia é nata Polygree una startup composta da 9 informatici che ha fondato un omonimo Social network il cui scopo é dare un giudizio di attendibilità   di una notizia.

Non é un fact checking ma un Rating con metodo scientifico sulla affidabilità   della notizia. Speriamo riescano a mascherare le numerose bufale che stanno invadendo Twitter e gli altri social network.

Dimenticavo il sito www.polygree.com

preview #1

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Lavorare su PC veloci è molto importante: il trucco è avere molta RAM

By  testuser01 | Mercoledì, 23/11/2016 20:59

Da qualche settimana il mio pc era piuttosto lento. Devo ammettere che durante la giornata lavorativa apro molti, moltissimi programmi in contemporanea. Il problema era la poca ram, ne avevo solo 4 gb.

Per migliorare le prestazioni è essenziale avere molta memoria RAM. Chi non usa il pc per complicati programmi di grafica o calcoli può accontentarsi di CPU e schede grafiche di medie prestazioni quindi avere molta RAM è spesso la soluzione più efficace: ecco una mini-guida. Controllate cosa c'è dentor il vostro pc usando dei software appositi come per esempio questo: www.cpuid.com/softwares/cpu-z.html

Alla linguetta SPD poteve controllare se avere slot liberi per aggiungere quelli che in gergo si chiamano "banchi di menoria RAM".

Se in uno degli slot non dovesero apparire informazioni, significa che è libero. Ora dovete scegliere che tipo di RAM acquistare. Io ho optato per prendere un secondo banco di RAM da 4 Gb con le caratteristiche identiche al primo: DDR3 a 1600 MHz.

I costi di un banco di RAM da 4 Gb sono di circa 30€, mentre quello dei banchi da 8 Gbè sui 50 €.

Per installare nuova RAM basterà   aprire il computer togliendo le viti di una delle pareti del case. Sulla scheda madre si vedrà   la RAM già   presente. Basterà   inserire il secondo banco nello slot libero e riavviare.

Per un innovatore digitale avere una macchina da lavoro prestante e veloce è molto importante. Post riguardanti gli strumenti da lavoro. Buona innovazione!



preview #1

avatar
By Tablet4n | Martedì, 2016-11-29 00:01:39

 Oltre alla RAM suggerisco di usare hard disk non meccanici chiamati ssd.

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

avatar

Disponibili gli Opendata del terremoto del centro Italia 2016

By  Fabio | Martedì, 15/11/2016 13:48

Il progetto terremotocentroitalia.info "è nato per condividere informazioni utili e verificate sugli eventi sismici che hanno coinvolto il centro Italia durante il 2016". Maggiori informazioni qui: terremotocentroitalia.info/about/

Oltre alle mappe, da poco sono stati rilasciati gli opendata relativi al terremoto2016 che ha colpito duramente il centro Italia, si trovano qui: terremotocentroitalia.info/opendata/

Attualmente ci sono:

- Segnalazioni Aggiornate da TerremotoCentroItalia

- Elenco delle vittime

- Lista dei Comuni del Cratere del 24 Agosto 2016

Grazie per l'impegno

preview #1

avatar
By F. Libero | Martedì, 2016-11-15 19:20:00

 Ho guardato il link e aperto i database. Non capisco, a cosa servono?

avatar
By Fàbio 2 | Mercoledì, 2016-11-16 20:55:39

 Come per molti dataset opendata, il loro valore non è immediatamente percepibile e tangibile. Quelli del terremoto hanno un valore che può essere estratto solamente dagli esperti di quelle materie, da chi sta aiutando la popolazione colpita, da chi sta "sul pezzo".

E come sempre il valore di un open-dato si moltiplica quando si riesce a "linkarlo" ovvero collegarlo con altri dati (linked opendata).

avatar
By Tablet4n | Martedì, 2016-11-22 23:23:20

 Qualcuno potrebbe farne una app. La popolazione potrebbe installarsela e usarla in molti modi: chat, archivio foto, segnalazioni in tempo reale di qualche disagio e così via.

avatar
By F. Libero | Lunedì, 2016-11-28 00:21:33

 Un consiglio a chi si occupa di queste cose: mettete anche gli opendata delle spese e dei cantieri. Cioè, chi ha speso cosa e chi ha preso quale appalto. Ma anche se i lavori sono sandati a buon fine: preferisco si sia speso di più ma arrivando al termine piuttosto che lavori fatti in economia di materiali che fra 10 anni sono da rifare da zero.

avatar
By Tablet4n | Lunedì, 2016-11-28 12:29:10

 Le spese vanno bene sono un passo avanti ma personalmente punterei anche nel rendere trasparenti i tempi e soprattutto i malefici passaggi burocratici. Qui dobbiamo agire in fretta e la burocrazia é nemica del fare!

Pagina riservata agli utenti registrati e loggati.
Solo gli utenti iscritti e loggati possono inserire un nuovo post.

Per iscriverti: registrazione

Per fare l'accesso: login

 

 scrivi un post

Numero di pagine: 15